Type to search

Chiesa del Sacro Cuore del Suffragio

Roma

Chiesa del Sacro Cuore del Suffragio

Share

Sul lungotevere Prati a Roma l’attenzione viene catturata da una piccola chiesa neogotica che appare all’improvviso tra i palazzi: si tratta della Chiesa del Sacro Cuore in Suffragio delle Anime del Purgatorio, realizzata su progetto dell’architetto Giuseppe Gualandi e aperta al pubblico il 1 novembre 1917ed

La facciata in cemento armato, che ricca di guglie ricorda nelle forme il Duomo di Milano e ha conferito alla chiesa anche il nome di “Piccolo Duomo”, ospita 18 sculture di Orsoni che rappresentano i santi più vicini nella devozione al Sacro Cuore e alle Anime del Purgatorio.

L’interno della chiesa è a tre navate suddivise da pilastri tra alti archi a sesto acuto.
L’abside presenta un pregevole tabernacolo bronzeo, presso l’altare maggiore in marmi policromi e bronzi dorati, anch’esso opera del Gualandi.
Anche il pavimento è in marmi policromi: marmo rosso veronese, bigio e nero.
Tra le opere più significative il notevole monumento funebre di Pietro Benedetti, nella navata sinistra, decorato con la Pietà in bronzo di Giovanni Battista Conti, e, sull’altare, il trittico “Nostro Signore del Sacro Cuore tra la Vergine Maria e S. Giuseppe”, dei pittori fiorentini Giuseppe e Alessandro Caetani.

La chiesa è in realtà più famosa poichè ospita un singolare ed inquietante museo unico nel suo genere: il museo delle Anime del Purgatorio, fortemente voluto dal R.P. Viktor Jouet, padre del Sacro Cuore, per accogliere testimonianze del tentativo di comunicazione delle Anime del Purgatorio con i vivi.
Si tratta infatti sostanzialmente di una raccolta di impronte infuocate di mani e dita su vari oggetti, quali libri di preghiera, messali e vestiti.
Tutto nacque in seguito all’incendio di una cappella della chiesa dedicata alla Vergine del Rosaio, avvenuta nel settembre del 1897, nel momento in cui, spente le fiamme, si rinvenne quella che fu considerata l’immagine infuocata della testa di un essere umano su un elemento dell’altare, interpretata come segno lasciato da un’amica sofferente del Purgatorio.

Tags:

You Might also Like

error: Content is protected !!